Giovedì, 27 Febbraio 2014 10:15
Scritto da 
SHARE: Share Share Share Share

Il Museo del Novecento omaggia Bruno Munari

Il Museo del Novecento omaggia Bruno Munari

Dal 3 aprile al 7 settembre 2014 il Museo di Milano celebrerà il poliedrico designer.

Per LSD, Bruno Munari è intoccabile. Con uno slancio di egocentrismo ci siamo permessi di "appropiarcene" anche nella presentazione del nostro studio. Probabilmete se avessimo avuto la possibilità di conoscerlo di persona, ci saremmo incatentati alla sua gamba. Fortunatamente per lui, e anche per noi che saremmo finiti in galera, le cose sono andate diversamente e ci siamo limitati a studiarlo e ad ammirarlo.

E' per noi quindi doveroso segnalarvi questa mostra, frutto della collaborazione con il fondo Vodoz-Danese, associazione fondata da Jacqueline Vodoz e Bruno Danese incentrata sul design (in cui le opere di Munari sono in collezione dal 1996) che collabora con il Museo del Novecento dal 1957. Una partnership preziosa e intellgente che ha già permesso al Museo di realizzare nel 2011 una sala totalmente dedicata a Munari in cui si possono ammirare per lo più collages e grafiche datate tra la fine degli anni quaranta e i cinquanta. La volontà è quella di rimarcare l'attualità delle teorie e dei lavori dell'artista milanese che sfugge ad ogni definizione per la trasversalità ed interdisciplinarità del suo percorso, che spazia tra l’arte, la grafica, il design e la pubblicazione dei celebri libri per l’infanzia e i laboratori per bambini.

 

Un motivo in più per visitare il Salone del Mobile di quest'anno e fare una deviazione verso il museo che ospita anche la celebre opera Aconà Biconbì (1964-67) allestita nella Sala Arte Programmata e Cinetica.

 

Tutte le info le trovate sul sito del museo: http://museodelnovecento.org/

 

Vi lasciamo con un estratto sulla fantasia delle lezioni che Munari tenne a Venezia nel 1992.